Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più, negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

   

Rubriche  

   
Dicembre 2019
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
   
   

Contatore accessi  

Questo mese: 105

Visite totali : 27183

   
Il fango è la mamma primordiale da cui, secondo la bibbia, l'uomo sarebbe nato. Oggi a Selargius le sue braccia materne uscivano dalla terra a carezzarmi i polpacci cercando di trattenermi: “dove corri, che fretta hai, stai già andando via? Resta ancora un po', un minuto ancora …”
Tutti lo evitano come fosse merda. Somiglia ma l'odore è diverso, sa un po' di vecchia zia. L'acqua scioglie e libera dalla terra residui organici che un tempo forse facevano parte dei nostri antenati: gli spiriti di grandi uomini o forse solo le loro autorevoli feci. Altroché merda.
La mia discendenza da progenitori suini mi ha lasciato, insieme ad altre somiglianze genetiche, un atavico piacere nell'entrare nella melma. Mi diverte potermi inzaccherare fino alle mutande senza che il papà mi sgridi perché il papà ora sono io. Mi divertono le sorprese che cela, gli schizzi marroni, le mezze scivolate; è un po' come correre al buio, i miei piedi sono reattivi e riescono a superare le insidie. Sono un figlio del fango e nonostante i 25 km corsi ieri in montagna, la mancanza di scarpe chiodate, nonostante la mancanza di allenamento specifico, sono riuscito a conquistare un insperato podio di categoria. 
“Torno subito, mamma, ancora un giro; aspettami, non ti seccare … ” 
   

Sponsor  

   
   
   
  • Pizzeria da Ciccio
  • Arte Ozio
  • Arredamenti Ibba
  • Elaborazione Video
  • Il Miraggio
   
© G. S. Atletica Capoterra Via Cimarosa 9 09012 Capoterra (Ca) tel. 070721753 Cod. Fisc. 92122300921 Reg.Naz.le N° 11558 Codice SAR 1017 Codice FIDAL CA049